Natale e Capodanno a Ferrara, ora è ISO 20121

Vai alla pagina Facebook Vai alla pagina Facebook Vai al gruppo Linkedinnews RSS

Ora è ufficiale ed è per gli organizzatori fonte di grande soddisfazione: il tradizionale incendio del Castello Estense e gli eventi collegati al Natale (capodannoferrara.com) quest’anno hanno ottenuto la certificazione ISO 20121. La consegna del certificato ad Alessandro Pasetti di Made Eventi e Riccardo Cavicchi di Delphi International avverrà sabato 19 novembre durante lo spettacolo di apertura del Fideuram Christmas Village, da parte di Giovanni Marmini di Tuv Thuringen Italia.


Foto di Mirko Ghirelli

La ISO 20121 è lo standard internazionale che detta i principi dell’organizzazione sostenibile degli eventi e a Ferrara, oltre gli eventi di Natale e Capodanno, hanno ottenuto la certificazione solamente Il Ferrara Buskers Festival e il Festival di Internazionale. Grazie al supporto di Punto 3, azienda di Ferrara specializzata in eventi sostenibili, gli organizzatori del Natale e Capodanno a Ferrara hanno progettato e implementato un percorso di gestione triennale, a partire dalla scorsa edizione, improntato alla sostenibilità degli eventi legati a Natale e Capodanno a Ferrara.

L’edizione 2016-2017 di Natale e Capodanno a Ferrara ha ottenuto da TUV Thuringer Italia la certificazione ISO 20121 e sarà realizzata in coerenza con gli obiettivi di sostenibilità del Comune di Ferrara e con le linee guida e standard di riferimento internazionali in un’ottica di miglioramento continuo.

Natale e Capodanno a Ferrara con il tradizionale incendio del Castello Estense e gli eventi collegati seguiranno indicazioni concrete, racchiuse nel documento di politica di sostenibilità ed ispirate ai 4 principi guida di Innovazione ed efficienza, Miglioramento continuo, Coinvolgimento e sensibilizzazione, Trasparenza ed accessibilità.

In concreto quali sono le scelte degli organizzatori?
  • Sensibilizzare i diversi soggetti coinvolti dagli eventi: i partecipanti (con il decalogo) e gli  espositori (il manuale di corretta gestione),  ma anche le  imprese del territorio, le associazioni, le società sportive e le  scuole a cui sono dedicati workshop  per la diffusione della cultura di sostenibilità.
  • Valorizzare i prodotti locali con il menu dei cenoni basato su prodotti e ricette locali a km 0 per promuovere la tradizione culinaria del territorio.
  • Promuovere l’economia locale con preferenza verso fornitori locali per incrementare le ricadute economiche/occupazionali sul territorio.
  • Facilitare l’accesso per i diversamente abili attraverso la realizzazione di un piano di accessibilità con rimozione barriere architettoniche, aree riservate e informazioni dedicate.
  • Garantire la scelta di menù per tutti! Celiaci e vegetariani potranno trovare menù alternativi per i cenoni con informazioni chiare e complete per fruire serenamente dell’evento
  • Utilizzare carta ecologica certificata FSC per tutto il materiale di promo – informazione dell’evento e promuovere la comunicazione digitale.
  • Gestire in modo corretto il conferimento e la raccolta di tutti gli scarti prodotti nelle diverse fasi dell’evento, compresa la raccolta degli oli di cottura per i punti ristoro.

Foto di Mirko Ghirelli
 
Sfoglia il Bilancio di Sostenibilità dell'edizione precedente clicca qui per scaricarlo
 

 

Condividi: