Le buone pratiche per gli eventi: qualificazione sostenibile dei fornitori

Vai alla pagina Facebook Vai alla pagina Facebook Vai al gruppo Linkedinnews RSS

Intervista a Luisa Tonietto, responsabile progetti di GRIDALAB, la prima realtà europea ad ottenere nel 2012 la certificazione ISO 20121 per la progettazione e la grafica di eventi sostenibili.

GRISDAINESE è uno studio di architettura, grafica e design con una solida esperienza nel campo dell’architettura, del retail design, degli allestimenti temporanei per mostre, musei, fiere ed eventi. Dalla sensibilità dello studio GRISDAINESE nei confronti della sostenibilità nasce il laboratorio di ricerca multi disciplinare GRIDALAB, il cui intento è concepire soluzioni estetiche tecniche e gestionali sostenibili applicate alla progettazione di padiglioni espositivi, stand, scenografie, meeting ed eventi.

ES: Come avete conosciuto la norma ISO20121?
LT: Quando abbiamo deciso di dare un’impronta sostenibile alla nostra attività di progettazione ci siamo preoccupati di trovare una norma specifica per gli eventi attraverso la quale adottare un adeguato sistema di gestione, ed è così che, con il supporto dei nostri consulenti ambientali, abbiamo intrapreso il percorso verso la certificazione ISO20121.

ES: In che modo avete implementato questo standard?
LT: Grazie ai principi della norma siamo stati in grado di individuare concretamente le azioni da intraprendere in relazione agli obiettivi da raggiungere per migliorare costantemente le nostre performans. I traguardi fondamentali dei nostri progetti sono:

  • incrementare il numero di fornitori locali
  • scegliere fornitori con prestazioni di sostenibilità elevate
  • ridurre la produzione di rifiuti
  • incrementare l’utilizzo di materiale a km zero e di materiale ecocompatibile
  • ridurre il peso dei materiali utilizzati.

ES: Qual è stata la vostra più grande sfida da superare?
LT: Promuovere e stimolare l’adozione di buone pratiche ambientali e sociali da parte dei nostri clienti e fornitori ma soprattutto convincerli che la sostenibilità non comporta costi aggiuntivi ma al contrario consente di ottimizzazione le risorse e contenere i costi.

ES: Quali sono stati gli impatti positivi generati dall’implementazione della norma?
LT: L’adozione di una politica di green supply chain per le forniture, il coinvolgimento e la consapevolizzazione del cliente, hanno certamente rafforzato la brand identity di GRIDALAB, consolidandone la credibilità e la reputazione.

ES: La qualificazione come fornitori sostenibili è stata apprezzata da clienti e stakeholder?
LT: In generale abbiamo riscontrato interesse ed entusiasmo anche se è ancora difficile coinvolgere attivamente gli stakeholder attraverso azioni specifiche di partecipazione attiva (questionari, interviste, feedback ecc.).

ES: Sulla base della vostra esperienza con la norma ISO 20121 quale consiglio vorreste condividere?
LT: A chi opera in questo settore così vasto e complesso, consigliamo senza dubbio l’adozione di un Sistema di Gestione Sostenibile degli Eventi, senza il quale GRIDALAB non sarebbe stata in grado di definire la propria mission attraverso un preciso programma di miglioramento continuo.

Per maggiori informazioni su GRIDALAB, clicca qui

 

Per maggiori informazioni sulla ISO 20121 visita la pagina: eventisostenibili.it/iso20121