Le buone pratiche per gli eventi: le certificazioni di sostenibilità

Vai alla pagina Facebook Vai alla pagina Facebook Vai al gruppo Linkedinnews RSS

Intervista a Roberto Paladini, Ilaria Calò e Loreta Ragone, giovani innovatori pugliesi che nel 2011, all'interno del progetto "La Tradizione fa Eco – modello di sostenibilità per innovare la tradizione e rivoluzionare gli eventi pugliesi", hanno ideato la certificazione “Ecofesta Puglia”, vincitrice nel 2012 del bando “Smart Cities and Communities and Social Innovation”.

 

Cosa è il marchio Ecofesta Puglia, chi lo può ottenere e come?

“Ecofesta Puglia” è una certificazione volontaria che interviene per ridurre l’impatto ambientale degli eventi (sagre, concerti, eventi culturali). “Ecofesta Puglia” è un modello unico in Italia in quanto interviene direttamente negli eventi attraverso attività di riduzione e differenziazione dei rifiuti, compensazione delle emissioni di CO2, informazione e sensibilizzazione ambientale. A differenza degli altri modelli presenti in Italia, infatti, la certificazione è parte attiva dell’organizzazione, la progettazione e la logistica dell’evento e segue passo passo l’attuazione delle regole per l’ottenimento del marchio, gestendo direttamente alcune azioni e monitorando scrupolosamente le attività delegate agli organizzatori e/o a terzi. La certificazione si rivolge agli organizzatori di eventi, alle amministrazioni comunali coinvolte, alle aziende di prodotti green ed ai fruitori della manifestazione. Per ogni evento, “Ecofesta Puglia” elabora un piano ad hoc sulla base di una studio di progettazione sui dati, il programma e la planimetria. Gli eventi che scelgono di ridurre l’impatto ambientale grazie all’intervento di “Ecofesta Puglia” acquisiscono la certificazione solo dopo un attento e misurabile monitoraggio sulle azioni e i risultati ottenuti durante l’evento stesso.

Quali vantaggi comporta l’ottenimento del marchio in termini di visibilità dell’evento?

Gli eventi che richiedono la certificazione “Ecofesta Puglia” rappresentano un'occasione di sensibilizzazione e informazione sulle pratiche green per i fruitori dell'iniziativa che diventano protagonisti attivi delle azioni di riduzione dell'impatto ambientale. Gli informatori ecologici di “Ecofesta Puglia”, infatti, non sono solo “custodi” del corretto conferimento dei rifiuti negli appositi bidoni, ma anche animatori ecologici che informano e sensibilizzano sulle tematiche del riciclo con modalità e tecniche basate sul coinvolgimento diretto e sull’interazione.

L'allestimento dal forte impatto visivo/comunicativo e la perfetta organizzazione e cura dell’area destinata al set di bidoni trasforma, inoltre, il concetto di “rifiuto” che diventa un prodotto destinato ad una seconda vita da conferire in un luogo pulito.
L'evento acquisisce, quindi, un valore aggiunto in termini di immagine in termini di attenzione alla sostenibilità ambientale. A beneficiarne, l'intero territorio: i turisti sono tra i primi ad apprezzare il lavoro di “Ecofesta Puglia”.

Quali vantaggi comporta l’ottenimento del marchio in termini di riduzione dell’impatto ambientale? In che modo viene quantificato il beneficio ambientale sulle diverse matrici?

L'intervento di “Ecofesta Puglia” garantisce un incremento della raccolta differenziata grazie all'assistenza degli informatori ecologici che assicurano il corretto conferimento dei rifiuti. Il ciclo dei rifiuti viene regolarmente chiuso e lo scarto organico viene trasformato in compost nelle aree in cui non sono presenti impianti di compostaggio. Diminuisce, di conseguenza, la quantità di rifiuti conferiti in discarica considerando, tra gli altri aspetti, l'uso delle stoviglie biodegradabili. “Ecofesta Puglia”, inoltre, provvede alla compensazione delle emissioni di CO2 attraverso azioni di piantumazione di alberi autoctoni o acquisto di certificati verdi. Il beneficio ambientale viene calcolato secondo un attento e misurabile monitoraggio sulle azioni e i risultati ottenuti durante l’evento stesso in base alla soddisfacimento dei requisiti di uno specifico regolamento e della percentuale di raccolta differenziata ottenuta. Questi aspetti sono condizione fondamentale per l’acquisizione del marchio stesso.

Perché la ISO 20121? A cosa in particolare viene applicato il sistema di gestione?

La norma UNI ISO 20121 stabilisce i requisiti specifici per l'organizzazione di eventi che minimizzano i loro impatti sull'ambiente e sulle comunità e interpreta perfettamente l'azione del modello “Ecofesta Puglia”. La volontà di acquisire lo standard internazionale dei sistemi di gestione per la sostenibilità degli eventi nasce dall’esigenza di offrire un’ulteriore garanzia per l’organizzatore. Nel nostro caso, la norma assicura la sostenibilità della progettazione e realizzazione delle attività e dei processi sviluppati negli eventi da “Ecofesta Puglia” nei rispetto dei principi e dei requisiti della ISO 20121:2012 (leggi QUI la nostra politica di sostenibilità).

 

Per maggiori informazioni su "Ecofesta Puglia" clicca qui

per maggiori informazioni sulla ISO 20121 clicca qui